Cascone di Campania Libera: “Aperti a coalizione civica per Castellammare”

0
42

“Siamo aperti a una colazione civica e di largo campo che metta la città di Castellammare al centro del dibattito politico e punti a una leadership manageriale, di una persona proveniente dalla società civile, capace di lavorare per risolvere concretamente i problemi della nostra città”. Così Circo Cascone replica all’invito del consigliere regionale Luigi Cirillo che nei giorni scorsi ha lanciato un appello per un tavolo politico che cominci, da subito, a lavorare sul futuro di Castellammare di Stabia che, il prossimo anno, sarà chiamata alle urne per eleggere il nuovo sindaco. “Credo che sia il momento di cambiare. Castellammare ha bisogno di novità, di idee, di innovazione, anche nel modo in cui viene gestito il palazzo a partire dalla gestione della macchina amministrativa. La città ha bisogno di una persona capace di guidare una squadra unita dalla volontà di voltare pagina. Di accelerare e puntare dritto al cambiamento, abbiamo bisogno di un manager capace di proporre e attuarestrategie a medio-lungo termine, ma allo stesso tempo capace di garantire la gestione delle emergenze. La capacità di gestire bene la “cosa pubblica” è strettamente legata alla  conoscenza dei meccanismi, tempi e modalità della pubblica amministrazione. L’ esperienza nella pubblica amministrazione unita ad una visionmamageriale, credo sia l’obiettivo piu importante da realizzare, uniti.  Qualcuno che sia abituato a lavorare nel pubblico e di questo conosca tempi, modi, e potenzialità. Ma abbia anche la mentalità aziendale di chi sa che raggiungere gli obiettivi è la cosa più importante da realizzare”.

“Serve un leader che sia espressione della volontà popolare. No ai nomi calati dall’alto – continua Cascone -. E questo perché abbiamo avuto esperienze di amministrazioni politiche che si sono dimostrate un fallimento. Castellammare è una città con una forte storia e tradizione democratica: la città deve e vuole dimostrare di essere capace di scegliere da sola, senza che intervengano segreterie nazionali che badano a interessi di partito e non a quelli dei nostri cittadini”. Cascone conclude: “Avviamo questo tavolo politico per un campo largo, per un’alleanza che fin da subito parli di programmi e di candidato sindaco. Non si può pensare di discutere di idee e progetti senza sapere chi dovrà, poi, incarnarli, renderli vivi, esserne il portavoce e l’esecutore. Il nome di quello che sarà il candidato sindaco, inevitabilmente porterà alla definizione di programma e alleanze, non il contrario. Siamo chiamati a fare delle scelte di responsabilità. E Campania Libera non si tira

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui