Tragedia Carmine Puccinelli, la famiglia chiede giustizia

0
36

La mamma di Carmine: “Vogliamo giustizia. Speriamo che le nuove evidenze portino a una maggiore chiarezza sulle responsabilità del personale sanitario coinvolto”.

“Questa mattina, gli avvocati dello Studio Associati Maior si sono recati presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Macerata per discutere il caso del giovane Carmine Puccinelli, tragicamente deceduto in giovanissima età per omessa diagnosi tumorale. Durante l’incontro, gli avvocati Filippo Castaldo, Michele Sorrentino e Pierlorenzo Catalano hanno depositato una relazione di parte multispecialistica che include valutazioni medico-legali e oncologiche dettagliate. La relazione evidenzia chiaramente che comportamenti medici inadeguati e una diagnosi omessa hanno privato il giovane Carmine della possibilità di ricevere cure tempestive che avrebbero potuto salvargli la vita. Secondo quanto emerso, il giovane ha manifestato sintomi dolorosi, ma è mancata una diagnosi precoce e sono stati commessi una serie di errori successivi. Lo Studio Associati Maior segue meticolosamente il caso e sostiene l’accusa di omicidio e falsificazione di cartella clinica. La Procura di Macerata sta conducendo un’indagine scrupolosa e approfondita per fare piena luce sulle circostanze che hanno portato alla morte di Carmine. Abbiamo massima fiducia nella magistratura”. A riferirlo è la famiglia e lo studio Associati Maior – Studio legale e medico legale composto dagli Avvocati Filippo Castaldo Michele Francesco Sorrentino, Pierlorenzo Catalano, nonché dal medico-legale Dott. Marcello Lorello.