La nave rompighiaccio ‘Laura Bassi’ partirà per la prima volta da Napoli in direzione Antartide

0
67

Partirà la prossima settimana eccezionalmente da Napoli in direzione Antartide la nave rompighiaccio ‘Laura Bassi’, impiegata nelle attività del PNRA – Programma di Ricerca Nazionale in Antartide. Nave triestina, ma abitata da una elevata percentuale di napoletani, a partire dai tanti ricercatori, tecnici e dottorandi dell’Università Parthenope che solcheranno tra la Nuova Zelanda e l’Antartide per partecipare alla trentanovesima Spedizione Italiana in Antartide. Le attività della campagna oceanografica, che durerà circa 2 mesi tra Gennaio e Marzo 2024 permetteranno di indagare la variabilità oceanografica dell’Oceano Meridionale e del Mare di Ross e il loro impatto sul clima globale. In occasione della spedizione, prima della partenza, martedì mattina alle ore 11,00, sulla nave si terrà la fase conclusiva del progetto: “Hugo Pratt. L’eredità, l’opera, la biografia”, lanciato un anno fa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale, in collaborazione con CONG, la società̀ che gestisce l’opera artistica di Pratt. Il progetto ha portato gli studenti delle scuole italiane all’estero a confrontarsi in un concorso di scrittura creativa, realizzando una storia originale su Corto Maltese ed il primo posto è andato a “In Persia, la Primavera di Corto Maltese” scritto dagli studenti della scuola italiana di Teheran “Pietro della Valle”. Nei mesi scorsi, le tavole originali del fumetto sono state consegnate al Dott. Yuri Cotroneo, oceanografo dell’Università Parthenope, con l’incarico di consegnarlo al personale in partenza per l’Antartide e far raggiungere all’opera le basi di ricerca italiane. Un simbolico passaggio che segna l’arrivo di Corto Maltese sul continente Antartico e l’inizio del progetto “Antartide italiana” coordinato dal MAECI, e focalizzato sul clima e sulla ricerca italiana in Antartide. Saranno presenti: per l’Università Parthenope il Prorettore alla Ricerca, prof. Giorgio Budillon ed il dott. Yuri Cotroneo- ricercatore ed oceanografo; Per il MAECI il Consigliere di Ambasciata Filippo Romano, Capo Ufficio V – DGDP – MAECI, Anna Zolfo, Funzionaria dell’Area della Promozione Culturale, Ufficio V DGDP MAECI, nonchè ideatrice dei due progetti (Pratt e Antartide), Marco Steiner, scrittore e sceneggiatore per la CONG, Andrea Cova, Capo Missione a bordo della Laura Bassi e Roberto Romeo project manager della campagna. Il progetto ‘Antartide Italiana’ è realizzato in collaborazione con il PNRA che è finanziato dal MUR e coordinato per la parte logistica dall’ ENEA e dall’ OGS, e per la parte scientifica dal CNR

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui