Ucraina, Pedicini (MET): “Consiglio Ue punta alla guerra, contro la volontà dei cittadini europei”  

0
14

“Il Consiglio dell’Unione Europea ha deciso, ancora una volta, che la guerra rappresenti l’unica soluzione per mettere fine al conflitto in Ucraina e che bisognerà continuare a produrre armi di distruzione e forse anche inviare i nostri ragazzi a morire al fronte. Senza aver mai ricevuto un mandato vero dai loro cittadini sul tema della guerra, i capi di Stato e di Governo europei, come Macron, Scholz e la nostra premier atlantista Meloni, hanno abbandonato fin da subito ogni possibile soluzione diplomatica, puntando su scelte che non possono che alimentare sempre di più massacri e distruzione, sottraendo fondi alle politiche di coesione e di sviluppo per finanziare l’industria bellica. Tutto questo a spese di giovani vite umane e di territori che già erano provati dalle recenti crisi economiche. Una decisione adottata tenendo fuori il Parlamento Europeo, che è la voce più rappresentativa dei cittadini europei”. Lo dichiara l’europarlamentare e segretario del Movimento Equità Territoriale, candidato con la lista di Michele Santoro “Pace Terra e Dignità”, Piernicola Pedicini. “Chi in queste ore sta decidendo che la guerra sia l’unica via da percorrere – prosegue Pedicini – rappresenta una percentuale minima rispetto a quanti, piuttosto, vorrebbero un’Europa mediatrice tra Russia e Ucraina, al pari di come dovrebbe esserlo ai tavoli del conflitto in Medio Oriente. Decisioni assunte in spregio agli appelli del Papa e delle tantissime associazioni e realtà, come “Pace Terra Dignità”, che si fanno portavoce della volontà di milioni di cittadini europei”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui