A Camerota una targa indicherà le strutture covid free

Oltre 500 i vaccinati presso l’hub in località Porto a Marina di Camerota con il vaccino monodose Johnson & Johnson. Tanti altri operatori vaccinati con l'Asl

0
57
Camerota strutture covid free

A Camerota una targa indicherà le strutture covid free. L’iniziativa, nata da un’idea dell’amministrazione comunale, è stato presto sposata dagli operatori turistici del territorio. Oltre 500, infatti, sono stati già vaccinati presso l’hub in località Porto a Marina di Camerota con il vaccino monodose Johnson & Johnson. Tanti altri operatori (over 40, over 50 e over 60) hanno ricevuto il vaccino rispondendo alla chiamata dell’Asl che procede – invece – secondo l’ordine previsto dal piano vaccinale italiano.

«La targa informerà i turisti che tutto lo staff e il personale impiegato dalla struttura ricettiva, è stato vaccinato – precisa il sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta -. A Camerota si sono già tenute due giornate di vaccinazione, svolte con grande ordine e un’organizzazione eccellente, frutto del lavoro di tanti professionisti e dei volontari della protezione civile. Si sta organizzando una terza giornata. Puntiamo ad immunizzare tutte le persone impegnate in prima linea per regalare agli ospiti una vacanza sicura e senza troppi timori. L’idea di apporre la targa all’ingresso delle strutture servirà a trasmettere serenità ma anche a fare capire – qualora ce ne fosse ancora di bisogno – che il vaccino è l’unica via d’uscita da questa emergenza sanitaria davvero dura da combattere».

«Speriamo di poter comunicare presto a tutti i turisti che i nostri operatori sono vaccinati e che le nostre strutture sono ancora più sicure da questo punto di vista – sottolinea l’assessore al Turismo Teresa Esposito -. Il nostro Comune al momento non registra casi positivi di coronavirus e con oltre 500 vaccinazioni nel settore del turismo, siamo un tantino più tranquilli. Però non bisogna mai abbassare la guardia. Continueremo, attraverso il lavoro delle forze dell’ordine e di polizia e dei gruppi di protezione civile, a far rispettare le norme anticovid sperando che sia l’ultima estate in emergenza sanitaria».

Dai un’occhiata al nostro articolo precedente!

Seguici anche su Twitter, Facebook, InstagramYoutube!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui