Napoli, prorogata fino al 10 gennaio 23 la mostra su Don Chisciotte

0
11

È stata prorogata fino al 10 gennaio 2023 la mostra Don Chisciotte tra Napoli, Caserta e il Quirinale: i cartoni e gli arazzi al Palazzo Reale di Napoli, curata da Mario Epifani, direttore di Palazzo Reale e da Encarnación Sánchez García, accademica corrispondente della Real Academia Española. Inaugurata lo scorso 19 maggio alla presenza dell’Ambasciatore di Spagna, Alfonso Dastis Quecedo, avrebbe dovuto concludersi il 6 settembre, ma è stata prorogata in considerazione del successo delle iniziative (eventi, aperture straordinarie) organizzate a Palazzo Reale durante l’estate, che hanno riacceso l’interesse per l’esposizione. Sabato 11 giugno, nel Cortile d’Onore grazie alla collaborazione con il Teatro di San Carlo ha avuto luogo una rara esecuzione di alcune arie del Don Chisciotte della Mancia, opera comica su libretto di Giambattista Lorenzi, musicata da Giovanni Paisiello. I brani sono stati eseguiti dagli allievi dell’Accademia di Canto Lirico del Teatro di San Carlo, diretta dal grande soprano Mariella Devia. Il 19 luglio, nell’ambito del Palazzo Reale SummerFest, è stato proiettato nel Giardino Romantico il film di Mimmo Paladino Quijote, con Peppe Servillo e Lucio Dalla, nei panni di Don Chisciotte e Sancio Panza, realizzato nel 2006 e presentato nello stesso anno alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Alla serata è intervenuto il maestro Paladino, accolto calorosamente dal pubblico. Nel mese di agosto le visite alla mostra si sono notevolmente incrementate, superando i 30 mila visitatori grazie all’apertura serale straordinaria del venerdì, al costo di 2 euro, che ha fatto registrare un’affluenza di circa 5000 persone. Ieri la mostra è stato visitata da Luis García Montero, uno degli scrittori spagnoli più importanti della seconda metà del XX secolo, nel suo ruolo direttore generale dell’Instituto Cervantes di Madrid, che conta sei in 86 città di 45 paesi dei 5 continenti. Il direttore è stato accompagnato dal console spagnolo a Napoli Carlos Maldonado. Ed è proprio con la collaborazione l’Instituto Cervantes di Napoli che dal prossimo 29 settembre, giorno dell’anniversario nascita e dell’onomastico di Miguel Cervantes, riprenderanno le visite guidate gratuite, che si sono tenute con cadenza mensile dall’apertura della mostra. Per prenotare: cultnap@cervantes.es

LA MOSTRA

La mostra Don Chisciotte tra Napoli, Caserta e il Quirinale: i cartoni e gli arazzi al Palazzo Reale di Napoli ricostruisce la storia della serie di arazzi con Storie di Don Chisciotte, eseguiti dalla manifattura napoletana nella seconda metà del Settecento e ispirati al celebre romanzo di Miguel de Cervantes. L’esposizione segue il racconto di Cervantes attraverso la serie completa dei dipinti preparatori, per la prima volta messi direttamente a confronto con alcuni degli arazzi oggi conservati a Roma nel Palazzo del Quirinale. Le opere dialogano con le più preziose edizioni dei libri della Biblioteca Nazionale di Napoli, tra cui l’editio princeps della prima parte del romanzo, pubblicata a Madrid nel 1605, della quale sopravvivono solo 26 copie e con lo spartito dell’opera Don Chisciotte della Mancia del compositore Giovanni Paisiello, appartenente al Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli, che testimonia la fortuna delle romanzesche avventure dell’ingenioso hidalgo in diverse forme d’arte. Sono esposti nello spazio della Galleria del Genovese e nella sala XXIV dell’Appartamento Storico 38 dipinti preparatori accanto a 7 arazzi (5 con episodi del romanzo e 2 decorativi), appartenenti alla serie eseguita dalla manifattura napoletana in due riprese, tra il 1757 e il 1779, per arredare la Reggia di Caserta e trasferita dopo il 1870 al Palazzo del Quirinale a Roma. Un ulteriore arazzo, in prestito dal Museo di Capodimonte, è invece l’unico conservato a Napoli, opera della manifattura francese dei Gobelins. L’esposizione, realizzata in collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Napoli, il Consolato Generale di Spagna e l’Instituto Cervantes, beneficia di prestiti, oltre che dalla Biblioteca, dal Segretariato Generale per la Presidenza della Repubblica, dal Museo e Real Bosco di Capodimonte e dal Conservatorio di San Pietro a Majella. L’allestimento è curato dall’architetto Lucia Anna Iovieno e il progetto è cofinanziato dalla Regione Campania, nell’ambito del POC Campania 2014-2020.

informazioni

La visita è compresa nel biglietto d’ingresso dell’Appartamento Storico del Palazzo Reale di Napoli. Costo biglietti: intero 10 euro – ridotto (18-25) 2 euro – gratuito fino a 18 anni e possessori Artecard. Orario: 9.00-20.00 (ultimo ingresso h. 19.00 – chiusura mercoledì). Dal 19 maggio al 10 gennaio 2023. Biglietteria www.coopculture.it – Info www.palazzorealedinapoli.org

 

Seguici anche su Facebook, Twitter, InstagramYoutube!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui