Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

24 C
Napoli
domenica 14 Luglio

Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

  • PUNTO ZERO

Alessandro Sibilio nella storia, argento europeo allo stadio Olimpico

Alessandro Sibilio dietro solo a Karsten Warholm, ma davanti a un mito azzurro della specialità. È una finale perfetta quella del 25enne partenopeo, al via in corsia sette, subito alle spalle del norvegese primatista del mondo: ‘Ale’ non cade nella tentazione di forzare il ritmo in avvio seguendo Warholm e nella retta conclusiva, la consueta ‘zona Sibilio’, arriva addirittura a rimontare un paio di metri all’olimpionico. Arrivano tempi sontuosi: oro a Warholm in 46.98, record dei campionati, e argento a Sibilio in 47.50, quattro centesimi in meno del primato italiano di Fabrizio Mori ottenuto quasi 23 anni fa con l’argento iridato di Edmonton 2001 ma anche un’enormità in meno del personale da 47.93 nella semifinale dei Giochi di Tokyo. Bronzo per Carl Bengstrom con il record svedese di 47.94 mentre all’estone Rasmus Magi non basta 48.13 per salire sul podio. Sibilio diventa il quinto europeo di sempre dopo Warholm (45.94), Stéphane Diagana (47.37), Wilfred Happio (47.41) e Harald Schmid (47.48). Quinta è anche la posizione dell’allievo di Gianpaolo Ciappa, portacolori delle Fiamme Gialle, nelle graduatorie mondiali stagionali.

Per l’Italia è la quinta medaglia nella storia europea dei 400 ostacoli maschili, il primo argento dopo gli ori (lontani nel tempo con Armando Filiput, Salvatore ‘Tito’ Morale e Roberto Frinolli tra 1950, 1962 e 1966) e il bronzo proprio di Fabrizio Mori 26 anni fa a Budapest. Sibilio, argento europeo under 20 nel 2017 e già campione del mondo U20 con la 4×400 nel 2018, si butta alle spalle due stagioni difficili con uscite agonistiche di alto profilo alternate a problemi fisici di diversa entità: “È stata una gara incredibile, quasi non ci credo, sono due anni che aspetto questo momento: 20 minuti prima della gara ho letto tutti i messaggi belli che mi sono arrivati per ‘rivivere’ il viaggio, è il coronamento di un sogno. Un grazie particolare va a Fabrizio Mori, amico e idolo: senza vedere i suoi video non mi sarei appassionato. Grazie Fabrizio, per me è come una musa ispiratrice”.

Articoli collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici sui social

440FansMi piace
42FollowerSegui
10IscrittiIscriviti
- Advertisement -
  • PUNTO ZERO

Ultimi Articoli