Debutta al Teatro Sannazaro “Beethoven in Vermont”

0
33

Debutta al Teatro Sannazaro “Beethoven in Vermont”, lo spettacolo teatral-musicale scritto e diretto da Maria Letizia Compatangelo ed interpretato dal Trio Metamorphosi, in scena giovedì 9 novembre 2023 (ore 20.30) per la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti diretta da Tommaso Rossi. Le musiche di Ludwig Van Beethoven, eseguite da Mauro Loguercio al violino, Francesco Pepicelli al violoncello e Angelo Pepicelli al pianoforte, contestualizzano la precisa ricostruzione di un singolare accadimento del passato, neanche troppo remoto, cui si deve la nascita negli Stati Uniti di uno dei festival musicali più importanti al mondo. Si tratta del Marlboro Music Festival, nato nell’estate del 1951, all’indomani della Seconda Guerra Mondiale, per iniziativa di tre musicisti, Adolf Busch, Hermann Busch e Rudolf Serkin che, in dichiarata opposizione ad Hitler e agli ideali nazisti, tra il 1939 ed il 1940 avevano trovato asilo in territorio americano. La scena si apre sul preciso momento in cui i tre musicisti, i fratelli Busch (rispettivamente Mauro Loguercio e Francesco Pepicelli) e l’amico Rudolf Serkin (Angelo Pepicelli) stanno decidendo autore e musiche per il concerto inaugurale del nascente Festival. Dopo varie discussioni, tra numerose esecuzioni di brani e vari scambi di opinione, decidono di iniziare questa nuova avventura (significativa sintesi della loro unione artistica ed umana) attraverso l’esecuzione di musiche scelte dal repertorio di Beethoven, compositore che degli ideali di dialogo e fratellanza tra i popoli aveva informato gran parte della sua vita e della sua produzione musicale (basti pensare alla sua “Corale” ovvero la Sinfonia n. 9 in re minore). “Ribaltando i canoni del concerto classico – sottolinea l’autrice e regista Maria Letizia Compatangelo – ho voluto affidare agli straordinari musicisti del Trio Metamorphosi il compito di impersonare i ruoli di altrettanti illustri colleghi del passato e di riproporne la singolare esperienza, umana e artistica”. A 70 anni da quella speciale serata, “Beethoven in Vermont” rende omaggio a questa straordinaria vicenda, “destinata a fare scuola – conclude la regista – e a diventare un essenziale punto di riferimento per la musica da camera nel mondo, immaginando lo scambio di idee musicali e umane tra i tre musicisti, rappresentanti della vecchia Europa, di fronte ai loro giovani allievi americani, fino alla scelta finale di Beethoven”. Biglietti: euro 25 platea, euro 18 galleria (ridotto under 30 euro 12). Informazioni: www.associazionescarlatti.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui