Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

11.4 C
Napoli
sabato 26 Novembre

Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

Il Ravello Festival ai piedi di Martha Argerich

Sold out  al Belvedere di Villa Rufolo per  il ritorno a Ravello previsto domenica 11 luglio, di Martha Argerich.

Al fine di  consentire di assistere alla finale del Campionato Europeo di calcio, l’inizio del concerto  è anticipato alle ore 19.45. Il pubblico uscendo da Villa Rufolo avrà, inoltre, la possibilità di seguire l’attesissimo match in Piazza Duomo dove sarà allestito un maxischermo a cura del Comune di Ravello.

“Genio del pianoforte”, “miracolo della natura”, “ciclone argentino”, o ancora “leonessa della tastiera”: non mancano certo le definizioni per evocare la dirompente personalità della Argerich. Allieva di Friedrich Gulda e Arturo Benedetti Michelangeli, per arrivare alle affermazioni del Premio Busoni, del Concorso di Ginevra e all’apoteosi dello “Chopin”, fino agli anni più recenti con una miriade di progetti per lanciare giovani talenti, il curriculum della pianista argentina è sterminato.

Nel corso del concerto, uno dei più attesi di questa 69esima edizione ideata da Alessio Vlad, la Argerich si  esibirà in un omaggio a Igor Stravinskij che, nel cinquantenario della scomparsa, sarà tributato da Charles Dutoit, Direttore d’orchestra principale e consulente musicale della Philadelphia Orchestra, nonché Direttore artistico e principale della Royal Philharmonic Orchestra, alla testa della Slovenian Philharmonic Orchestra.

IAd aprire lo spettacolo “Jeu de cartes”, l’ironico balletto che Stravinskij creò nel 1936 all’apice del suo periodo neoclassico per l’American Ballet, una vera e propria partita a poker, suddivisa in tre mani, in cui le carte tentano di sconfiggere il diabolico Jolly.

Marta Argerich donerà al pubblico del Ravello Festival “il più bel concerto moderno per pianoforte”, come il Daily Herald definì l’op.26 di Prokofiev, alla sua premiere a Chicago nel 1921. Finale ancora stravinskiano, con la seconda suite da “L’oiseau de feu” del 1919. Si narra, nell’Uccello di fuoco, dello zarevic Ivan, il quale, con l’aiuto di una sua penna d’oro si industria di strappare dalle grinfie del mago Katscei, l’amata principessa. Da qui a qualche anno, Stravinskij avrebbe definitivamente integrato il “brutto”, nella rosa dei grandi valori estetici; e anche questa fiaba del principe Ivan passa attraverso una scrittura sperimentale, in cui il ritmo scomposto e la durezza sonora sono, le strutture portanti dell’intera partitura.

Dai un’occhiata al nostro articolo precedente!

Seguici anche su Twitter, Facebook, InstagramYoutube!

Articoli collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici sui social

440FansMi piace
40FollowerSegui
9IscrittiIscriviti
- Advertisement -

Ultimi Articoli