Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

22.6 C
Napoli
giovedì 23 Maggio

Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

  • PUNTO ZERO

“Love”. Al Teatro Serra il teatro-canzone di Giacomo Casaula

Al Teatro Serra di Napoli debutta “Love”, spettacolo di teatro-canzone di Giacomo Casaula, che canta e recita accompagnato da Andrea Barone alle tastiere e Stefano Torino alla chitarra, dedicato al più complesso e imprescindibile dei sentimenti per la nostra indeterminabile umanità: sentimentale, filiale, fraterno, sociale. Appuntamento sabato 4 maggio alle 21:00, a Fuorigrotta, in Via Diocleziano 316. Informazioni e prenotazioni: teatroserra@gmail.com, 347.8051793.

«Il filo conduttore è l’Amore, ma non inteso in maniera esclusivamente sentimentale. Raccontiamo diversi tipi di amori, per una madre, per un fratello, per il prossimo, offrendo diversi punti di vista – dice Casaula – È una dinamica propria di questo genere musicale, che affronta le grandi dinamiche nelle quali gli individui sono immersi e in cui anche le vicende private, sono sempre strettamente intrecciate a quelle pubbliche».

Il concerto, che propone l’intreccio tra l’album originale dell’autore “Amore sintetico” (disponibile su Spotify) e una rilettura della raccolta di novelle “Gli amori difficili” di Italo Calvino – in particolare de “L’avventura di un viaggiatore” – è parte di un percorso artistico dedicato alla canzone d’autore dei grandi cantautori italiani, rivisitata nella forma espressiva del ‘Teatro-canzone’, sperimentata negli anni Settanta da Giorgio Gaber e Sandro Luporini, per dar vita ad esibizioni in simbiosi con il pubblico. «In questo momento, parlare di amore e pace è terribilmente necessario, se non indispensabilee un progetto nato durante la scorsa estate è diventato, in pochi mesi, di un’attualità disarmante» dice l’autor.

Un viaggio di monologhi e canzoni con brani inediti, riedizioni dai repertori di Fabrizio De André, Rino Gaetano e lo stesso Gaber con inserti contemporanei tratti da Baustelle, Calcutta e Liberato che vanno a comporre un quadro unico in cui a ritrovarci, senza distinzione né giudizio.

Articoli collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici sui social

440FansMi piace
42FollowerSegui
10IscrittiIscriviti
- Advertisement -
  • PUNTO ZERO

Ultimi Articoli