Buona Sanità in Campania, ecco le best practices del territorio

0
14

Grandi esempi di buona sanità: Cardarelli e Monaldi ospedali all’avanguardia

In piena pandemia e con la campagna vaccinale appena iniziata, resta di attualità il tema del funzionamento degli ospedali. In tal senso i nosocomi di una città come Napoli sono al centro dell’attenzione. Non mancano, in tal senso, esempi positivi e best practices. Ad esempio , il Cardarelli, secondo i dati diffusi dai portali specializzati, è tra i primi per interventi chirurgici effettuati in diverse patologie. Tumore alla vescica e tumore al rene , due malattie particolarmente diffuse, vedono la struttura in testa alle classifiche. Inoltre, a confortare ulteriormente il dato, è la percentuale di pazienti colpiti da queste patologie che scelgono di curarsi sul territorio senza andare fuori regione: 67,2% per il cancro alla vescica; 73,5% per il cancro al rene. Di recente, inoltre, l’Azienda ospedaliera Cardarelli, primo nosocomio del Sud, ha attivato una proficua collaborazione con l’Azienda Socio-Sanitaria Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano. Al centro della sinergia la realizzazione del trapianto delle isole pancreatiche, una nuova frontiera delle cure assistenziali per migliaia di cittadini.

Analogamente, anche l’Azienda ospedaliera Monaldi si distingue per esempi positivi: nei mesi scorsi presso il nosocomio collinare di Napoli si è inaugurato l’Angolo del Tempo nel reparto di Oncologia. Una struttura innovativa e importante per migliorare la qualità della permanenza dei pazienti in un’area molto delicata che influisce sull’equilibrio interiore di pazienti e familiari. Rendere un ambiente più accogliente migliora le reazioni emotive di coloro che lo vivono e tutti sanno che il fattore psicologico può aiutare i pazienti a reagire meglio alle malattie, agli interventi chirurgici ed alle terapie che sono molto dolorose. Il Monaldi risulta tra i primi in Italia ad attuare interventi al polmone utilizzando tecniche innovative e poco invasive. Tutto ciò determina operazioni meno dolorose, minore durata della degenza, risparmio economico sul bilancio della sanità.

Seguici anche su Twitter, Facebook e Youtube!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui