Da Napoli a Salerno tra mimo e letteratura

0
58

Tre appuntamenti culturali aperti al pubblico, tra Napoli e Salerno, e il via ad un nuovo programma pratico e sperimentale. L’ICRA Project, Centro Internazionale di Ricerca sull’Attore – diretto da Michele Monetta e Lina Salvatore, riconosciuto dal MiC Ministero della Cultura dalla Regione Campania, annuncia alcuni importanti momenti di cultura teatrale e di letteratura. Il primo appuntamento, relativo al progetto Memorie Future VII edizione è la lectio magistralis del prof. Marco De Marinis (Università di Bologna) sul Mimo francese nel XX secolo; discorso – col supporto di rari filmati – sulle figure di Etienne Decroux, Jean-Louis Barrault, Marcel Marceau e Jacques Lecoq. L’incontro si terrà per gli allievi dell’ICRA Project/Accademia di Mimodramma, per i danzatori professionisti del Balletto di Napoli e per docenti di teatro presso la Fondazione Lyceum Mara Fusco di Napoli, il 7 marzo alle ore 10:30. Il 16 marzo, alle ore 17:00 al Teatro del Liceo Artistico Sabatini-Menna di Salerno, è in programma lo speciale seminario su Il Surrealismo (fra figurativo, cinema, psicanalisi), a cura del drammaturgo e filosofo Gianni Garrera. Il 29 marzo alle ore 17:00, presso la Sala conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Napoli – in collaborazione con l’Università FedericoII di Napoli – sarà presentato l’ultimo romanzo (candidato al prestigioso Premio Strega 2023) di Giovanni Greco – docente all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico di Roma – dal titolo Bruciare da sola. Una notte di Nadia Mandel’stam con i suoi fantasmi, modera la professoressa Silvia Acocella, dell’Università Federico II di Napoli. L’incontro, promosso in collaborazione con il Servizio Educativo del MANN, sarà completato da letture sceniche da frammenti scelti dall’autore. A partire dal 24 marzo, Icra Project darà il via al nuovo programma pratico e sperimentale, condotto da Lina Salvatore sul Metodo FELDENKRAIS, relativo a euritmia, flessibilità e consapevolezza corporea, percorso che il grande regista Peter Brook propose ai suoi attori negli anni ’70 invitando il maestro russo-israeliano Moshe Feldenkraisal nel suo centro parigino Centre International de création théâtrale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui