Ambiente, bambini e sicurezza: le sfide di Gricignano d’Aversa

Intervista al sindaco Vincenzo Santagata: ecco i risultati raggiunti ed i progetti futuri

0
995
Il sindaco di Cricignano d'aversa

Circa 12mila abitanti ed un territorio di 18 km quadrati, Gricignano d’Aversa è uno dei comuni più importanti della provincia di Caserta.  Da diversi anni sul comprensorio municipale insistono significative realtà come la base Nato ed un robusto tessuto produttivo e industriale.Con il Sindaco, Vincenzo Santagata, facciamo il punto sulla amministrazione comunale: eletto il 26 maggio 2019, con il 68% dei voti, il primo cittadino è prossimo a completare il primo biennio del suo mandato politico e amministrativo.

Sindaco qual è il bilancio, dal 2019 ad oggi, della sua amministrazione?

Abbiamo lavorato tanto in questi primi 23 mesi di amministrazione. Ed ovviamente abbiamo dovuto, e tuttora facciamo , conti con la crisi sanitaria che ha determinato una significativa emergenza economica e sociale. Nel nostro comune abbiamo dovuto fronteggiare, in alcuni frangenti, anche picchi di 600 contagiati al covid. È quindi una fase di grande criticità che crea molte difficoltà giorno per giorno. La nostra prima preoccupazione è stata quella di aiutare i cittadini ed ad oggi abbiamo erogato circa 200mila euro tra buoni spesa e pacchi alimentari. Un primo sostegno per non lasciare nessuno indietro.

Veniamo al suo programma di governo, quali gli obiettivi raggiunti ?

In primis, ci tengo a sottolineare i risultati raggiunti sull’ambiente, un settore da sempre in grande emergenza sul nostro territorio. Finalmente, dopo anni di stallo, siamo riusciti ad affidare la nuova gara per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Era dal 2012 che procedeva, amministrativamente, sempre in prorogatio. Un regime che siamo riusciti a sbloccare e superare in nome della trasparenza e della corretta e sana amministrazione. Inoltre, un grande passo in avanti lo abbiamo compiuto sulla raccolta differenziata. Siamo riusciti a portare la percentuale dal 20% al 50%, un grande salto di cui siamo orgogliosi e per il quale ringrazio i miei concittadini, sia per la collaborazione sia per il grande senso civico che stanno dimostrando di avere.

Quali sono le condizioni delle casse comunali e del bilancio dell’ente ?

Abbiamo intrapreso da subito una strada a doppio binario, risanamento e sviluppo. Grazie ad una rigorosa azione di ristrutturazione del debito abbiamo oggi una situazione chiara. Circa 6 milioni di euro e’ l’ammontare oggetto di risanamento, considerando i debiti già onorati, le transazioni in corso ed i programmi di rateizzo. È un’operazione enorme, sia dal punto di vista finanziario sia amministrativo, ma è assolutamente indispensabile per ripartire. Solo mettendo in ordine i conti possiamo programmare il futuro e investire.

Quali progetti la sua amministrazione è riuscita a far partire e con quali finanziamenti?

Una dei progetti più ambiziosi a cui abbiamo lavorato è l’attivazione dell’asilo nido comunale. Siamo riusciti ad avere un finanziamento di 430mila euro dall’ambito sociale di zona. Inoltre siamo riusciti ad investire sugli edifici scolastici per adeguare le scuole alle nuove norme anti-covid, dall’acquisto dei nuovi banchi all’adeguamento delle aule. Sul nostro territorio insistono 4 plessi scolastici con un istituto comprensivo che ha classi dalla materna alle media, dunque una significativa platea di alunni da tutelare.

Sul fronte legalità e sicurezza invece quali novità?

Siamo riusciti a far partire i lavori per ristrutturare e rilanciare un bene confiscato alla criminalità organizzata. Il progetto ha un valore di 600mila euro ed una volta ultimato lo affideremo alle associazioni locali per farne la casa della socialità e dell’aggregazione. Confidiamo di terminare i lavori entro la fine del 2021. Sul fronte, sicurezza , invece, ci tengo a segnalare che abbiamo ottenuto un finanziamento ministeriale di 250mila euro per la Videosorveglianza. Dobbiamo implementare ed ampliare il sistema di controllo sul territorio, con particolare attenzione alle aree della cosiddetta terra dei fuochi. 

Sul versante cimitero comunale, infine. Quali programmi avete ?

Abbiamo da tempo avviato un vasto programma di riqualificazione. Il nostro cimitero comunale versava in condizioni fatiscenti. Abbiamo attivato già due tranche di finanziamento da 90mila euro ognuna, e puntiamo ad averne una terza, per un investimento complessivo di 270mila euro. Risorse preziose che utilizziamo al meglio per dare dignità ad una struttura strategica di Gricignano d’Aversa.
All’interno del nuovo e terzo finanziamento, peraltro, siamo riusciti a programmare lavori di efficientamento energetico e di ristrutturazione, così da avere una struttura sicura e moderna.

Dai un’occhiata anche alle altre interviste!

Seguici anche su Twitter, Facebook e Youtube!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui