Nocera Superiore, ordinanza del sindaco sui terreni incolti

0
11

«Non tutto è a carico del Comune e non tutto è di competenza pubblica. Per mantenere il livello di decoro urbano verso cui faticosamente tendiamo, anche i privati devono fare la loro parte». Così il sindaco di Nocera Superiore, Giovanni Maria Cuofano, sull’Ordinanza – preceduta da un avviso-invito – che obbliga i titolari dei terreni incolti alla pulizia ed alla cura delle rispettive aree di proprietà. «Dai controlli effettuati continuiamo a rilevare uno stato generale di degrado ed incuria di alcune aree anche in pieno centro cittadino – spiega Cuofano – L’abbandono e l’incuria delle aree private, con la mancata rimozione di vegetazione spontanea ed arbusti, aumentano il rischio di incendi, la proliferazione di animali infestanti. Credo non si debba arrivare all’imposizione di un’Ordinanza ed allo spettro della possibile sanzione, quando basterebbe una periodica sistemazione delle aree nel corso dell’anno in maniera da accompagnare le attività di manutenzione e cura del verde pubblico eseguite dal Comune». I proprietari delle aree private incolte e dei terreni abbandonati hanno l’obbligo di eseguire tutti gli interventi di pulizia e manutenzione finalizzati all’eliminazione dei rischi igienico-sanitari e di tutte le situazioni che possono determinare una minaccia alla pubblica e privata incolumità. La Polizia Locale è stata incaricata di verificare l’osservanza dell’ordinanza e, in caso d’inottemperanza, ad applicare le sanzioni previste.

 

 

Seguici anche su Facebook, Twitter, InstagramYoutube!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui