Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

13.9 C
Napoli
martedì 29 Novembre

Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli n. 1947/21

Vico Equense, installata targa con QR code per i 5 anni del Museo Antonio Asturi

In occasione dei cinque anni dall’apertura alla pubblica fruizione del Museo Antonio Asturi, l’Amministrazione di Vico Equense, guidata dal Sindaco Andrea Buonocore, ha installato una targa con QR code che consente, attraverso una semplice scansione della fotocamera di uno smartphone o di un tablet, di avere dettagliate spiegazioni sullo spazio espositivo permanente, che si sviluppa tra vari livelli, all’interno della nuova casa comunale. Il Museo fu inaugurato il 20 maggio 2016, a trent’anni dalla morte del pittore. “Attento osservatore della nostra terra, Antonio Asturi ha impresso nella memoria collettiva scorci di vita e di quotidianità, testimonianze eccellenti del suo tempo”: questo il commento dell’Assessore alla cultura Annalisa Donnarumma.
All’interno del Museo ci sono circa 40 opere dell’artista donate dagli eredi Gregorio e Anna Asturi: grazie alla loro collaborazione si è delineata la personalità del genio artistico di Asturi, con l’obiettivo di avvicinare l’arte a tutta la popolazione. I dipinti, i disegni preparatori, gli appunti del pittore raccontano la sua personale visione della città natia, i luoghi e la sua gente. Asturi nacque nel 1904 a Vico Equense, attratto sin da bambino dalla pittura, fu un autodidatta, senza assimilarsi ad alcuna corrente artistica, si ispirò all’arte antica e contemporanea, sia napoletana che straniera. Fu un pittore di sentimenti, e perciò di scorci marini, ritratti, maternità, ma fu anche celebre interprete del pensiero d’oltralpe, quello che sul principio del Novecento raccoglieva proprio a Napoli i maggiori consensi. Il Museo si sviluppa secondo le tematiche più care ad Asturi: dai paesaggi vicani, maternità e le famose carrozzelle. Il ricordo dei suoi viaggi è impresso nelle opere del periodo francese e spagnolo presenti nella collezione insieme alla tematica forse più cara al maestro: “le cose viste” in cui preferì usare pochi toni cromatici.

Dai un’occhiata al nostro articolo precedente!

Seguici anche su Twitter, Facebook e Youtube!

Articoli collegati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici sui social

440FansMi piace
40FollowerSegui
9IscrittiIscriviti
- Advertisement -

Ultimi Articoli