Neoborbonici inviano testo corretto canzone di Geolier alla sua casa discografica

0
124
Dopo la pubblicazione del testo della canzone che Geolier presenterà a Sanremo sul palco dell’Ariston, numerose sono state le critiche di associazioni e cittadini che difendono e divulgano la vera lingua napoletana. Tra questi anche i neoborbonici da sempre difensori della storia napoletana e meridionale. “Il testo pubblicato era a tratti indecifrabile e abbiamo inviato il testo corretto in lingua napoletana alla casa discografica milanese di Geolier. Il rapper è un giovane che sta portando la nostra cultura in giro per il mondo e non è colpa sua se nelle scuole non si insegna il napoletano, a differenza di quanto accade in altre regioni e come da tanti anni richiedono i neoborbonici. “La nostra, però, è una lingua con le sue regole e la sua grande tradizione, da Basile (il seicentesco inventore di Cenerentola) a Di Giacomo, da Eduardo a Pino Daniele – ha spiegato il prof. Gennaro De Crescenzo presidente del Movimento Neoborbonico – e per questo non potevamo tirarci indietro. È comunque significativo e importante ritornare a cantare in lingua napoletana a Sanremo e diffondere la nostra lingua tra i giovani”. I neoborbonici hanno inoltre invitato Geolier a seguire uno dei corsi di lingua napoletana che organizzano con l’associazione ‘I Lazzari’ e con il presidente Davide Brandi nel centro storico di Napoli (invito rivolto anche alla casa discografica milanese e agli altri sette autori del testo).
Di seguito il testo corretto.
I’ pe mme, tu pe tte
Nuie  simmo ddoie stelle ca stanno cadenno
Te staie vestenno pure sapenno  ca t’hê ‘a spuglià
Pure ‘o mmale ce fa bene nzieme io e tte
Ce âmmo sperato ‘e sta pe sempe nzieme io e tte
No no no comme se fa
No no no a te scurdà
Pe mò no, nun ‘o pozzo fà
Si nun ce stive t’era nventà
‘A felicità quanto costa si ‘e sorde nun ‘a ponno accattà
Aggio sprecato tiempo a parlà
Nun l’êssa penzato maie
Ca a ll’inizio d’ ‘a storia era già ‘a fine d’ ‘a storia pe nnuie
‘O cielo ce sta guardanno
E quanto chiove e pecché…
S’ è dispiaciuto pe mme e pe tte
Pirciò mò sta accummincianno a chiovere
Simmo dduie estranei ca se ncontrano
E stevo penzanno a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
Tu m’intrappoli abbracciannome
Pure ‘o diavolo era n’angelo
Comme me puo’ amà si nun t’amo
Comme puo’ vulà senz’ale, no
È passato tantu tiempo d’ ‘a ll’urdema vota
Damme n’atu ppoco ‘e tiempo pe ll’urdema vota
No, no no no comme se fa
No no no a te scurdà
Pe mo no, n’ ‘o pozzo fa’
Nun l’êsse penzato maie…..
Ca a ll’inizio d’ ‘a storia era già ‘a fine d’ ‘a storia pe nuie
‘O cielo ce sta guardanno
E quanto chiove e pecché…
S’ è dispiaciuto pe mme e pe tte
Pirciò mo sta inizianno (accummincianne) a chiovere
Simmo dduie estranei ca s’incontrano
E stevo penzanno:  a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
Stanotte è sulo d’’a nosta
Si vuò truvanno ‘a luna ‘a vaco a piglià
E pure si ‘o facesse, tu nun fusse cuntenta
Vulisse ati stelle, vulisse chiù tiempo cu te.
Pirciò mo sta inizianno (accummincianne) a chiovere
Simmo dduie estranei ca s’incontrano
E stevo penzanno:  a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui