Protocollo d’intesa tra Università Parthenope e Fondazione Polis

0
13

Dipartimento di Giurisprudenza e laboratorio sui beni confiscati dell’Università Parthenope e Fondazione Polis insieme per incontrare gli studenti e firmare un protocollo d’intesa per la tutela ed il riutilizzo dei beni confiscati. Dopo i saluti del Direttore del Dipartimento Federico Alvino e del Coordinatore del Corso di Studi Marco Esposito, l’accordo sottoscritto con la Fondazione è stato presentato dalla Prof. Carla Pansini – Direttore del Master in ‘Prevenzione dai rischi di infiltrazioni criminali nelle attività economiche, gestione, amministrazione e riutilizzo dei beni sequestrati e confiscati’. Ricordando l’on. Pio La Torre, la prof. Pansini ha sottolineato l’importanza del riutilizzo dei beni confiscati e della firma del protocollo che è ‘frutto di un lungo lavoro ma è solo un punto di partenza per ragionare insieme su progetti concreti’. ‘La Campania è la regione con il più alto numero di vittime innocenti in Italia – ha sottolineato il presidente della Fondazione Polis Enrico Tedesco – ed è la seconda regione d’Italia per numero di beni confiscati. Questo protocollo è una porta aperta agli studenti, per far sì che possano venire a casa nostra ed aiutarci, collaborando insieme’. L’incontro ha visto la partecipazione del presidente del Tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina, di Emma Lorena – figlia di Pasquale Cappuccio, di Vincenzo Abate – presidente della Onlus ‘la forza del silenzio’.

 

Dai un’occhiata al nostro articolo precedente! 

Seguici anche su Facebook, Twitter, InstagramYoutube!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui