Gricignano d’Aversa: amministrazione Santagata in prima linea sul problema biodigestore

Iniziano, intanto, i lavori per il riutilizzo del bene confiscato alla criminalità

0
837

Resta sempre aperto e molto acceso, sull’area dei comuni di Gricignano d’Aversa, Marcianise, Teverola e Carinaro, il dibattito per la realizzazione del Biodigestore, un impianto destinato alla produzione di biometano, che potrebbe sorgere nell’area industriale di Aversa Nord.
I cittadini sono sul piede di guerra da tempo ed hanno più volte manifestato apertamente contro il progetto. E sono state raccolte migliaia di firme per scongiurare la costruzione di una struttura che in tanti vedono come fonte di pericolo per la salute. In prima linea, al fianco dei cittadini, c’è l’amministrazione comunale di Gricignano d’Aversa, guidata dal Sindaco Vincenzo Santagata (nella foto).
Proprio nei giorni scorsi, il primo cittadino, attraverso una diretta social, ha fatto il punto sulle iniziative in corso da parte del Comune.
In primis il Sindaco Santagata ha rimarcato la questione di difesa del territorio, spiegando che alla luce di recenti analisi e verifiche tecniche effettuate sul progetto, sono emersi numerosi punti critici sulla V.I.A. (la Valutazione di Impatto Ambientale), che è un provvedimento decisivo per l’effettivo via libera alla costruzione dell’opera.
Inoltre, la fascia tricolore ha spiegato che è in corso l’aggiornamento dei regolamenti edilizi e del Puc (Piano Urbanistico Comunale): questi due documenti potrebbero prevedere l’impossibilità di realizzazione il Biodigestore nell’area finora individuata per realizzarlo.

Tutti questi aspetti – spiega il Sindaco Santagata – sono elementi che rappresentano un fattore decisivo per bloccare la costruzione dell’impianto. I cittadini sono giustamente preoccupati e come Amministrazione comunale siamo in prima linea per difendere gli interessi e la salute della nostra comunità.
Abbiamo incaricato a tal fine un ingegnere ambientale, un tecnico esterno all’organico comunale, che ha rilevato numerose osservazioni e criticità alla Valutazione di Impatto Ambientale. Di tutto questo non si può non tener conto. Inoltre, abbiamo deciso di costituire una apposita commissione al Comune della quale fanno parte i consiglieri comunali ed i rappresentanti dei cittadini del Comitato #NoBiodigetore“.

Il progetto del Biodigestore è di “Ambyenta Campania Spa”, la società che vuole realizzare l’impianto e ha presentato a tal fine la sua proposta al consorzio Asi di Caserta.  L’investimento, complessivamente, ha un valore di 40 milioni di euro. La battaglia per scongiurare la sua costruzione sicuramente continuerà. Sempre attraverso i canali social, il Sindaco Santagata, ha informato la cittadinanza di una ulteriore importante novità: sono iniziati i lavori per il riutilizzo del bene confiscato alla criminalità organizzata e presente sul territorio di Gricignano d’Aversa. Il primo cittadino sottolinea: “È una struttura molto importante nella quale vogliamo ospitare i servizi sociali comunali e dove intendiamo dar vita alla casa delle Associazioni per svolgere attività di inclusione e sostegno sopratutto per i cittadini con disabilità. I tempi previsti per ultimare i lavori e consegnare l’opera alla pubblica fruibilità sono di circa 6/8 mesi”.

Guarda l’intervista al Sindaco Vincenzo Santagata

Seguici anche su Twitter, Facebook e Youtube!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui